Sul Web i siti con suggerimenti su come scrivere un buon CV si sprecano. C’e’ pero’ altro…

Non è però  altrettanto semplice trovare consigli su come viene letto il CV, come cercare di capire perche’ i candidati  vengono convocati e come al contrario vengono scartati

Ecco qui sotto i parametri che vengono adottati per  leggere i CV e conseguentemente le indicazioni interessanti per chi vuole scriverne uno o semplicemente migliorare quello che già possiede!

Regola n. 1: saper LEGGERE e DECIFRARE un CV

La prima cosa che dovete chiedervi guardando un CV è se sia facile reperire le informazioni. La maggior parte dei candidati tende a vantarsi per cercare di far bella figura ma la domanda da porsi è se le informazioni siano scritte chiaramente o meno. Questo potrebbe già fornirci una prima indicazione di quanto il candidato sia organizzato, ordinato e scrupoloso.
Ecco i punti da considerare:
1. Esperienze. Dove ha lavorato e soprattutto se a lui/lei piaceva il posto di lavoro. Sono state incluse le date di assunzione e licenziamento? Quanti lavori ha svolto nell’ultimo anno? Esperienze rilevanti?
2. Abilità, Lingue e Tecnologie. Possiede competenze che rientrano tra quelle da voi ricercate nell’annuncio? Risultano troppo esperti in troppe lingue straniere?
3. Progetti. Le date dei progetti a cui ha partecipato vengono riportate incluso le persone con cui ha collaborato?
4. Educazione. Che scuola ha frequentato? E’ laureato? Ha vinto Borse di studio o altri riconoscimenti?
5. Interessi. Interessi e/o attività che esulano dalla sfera lavorativa? Da l’impressione di essere appassionato al tipo di lavoro che richiedete?
PER CHI SCRIVE IL CV: puntare alla semplicità. Il lavoro del Recruiter è già abbastanza difficile, che ne dite di non complicarglielo ulteriormente scrivendo informazioni semplici e chiare? Rileggere il CV più volte ed evitare errori di battitura è un chiaro messaggio che siete persone scrupolose ed attente. E ricordatevi di mettere sotto i riflettori le esperienze più significative o riconoscimenti o altro che a vostro parere possa contare.

Regola n. 2: Promozioni

Se il candidato ha fatto carriera all’interno della stessa azienda ricoprendo diversi ruoli, probabilmente è qualcosa che vorrete notare e tenere in considerazione.

PER CHI SCRIVE IL CV: non nascondere le tue capacità! Se sei stato promosso, mettilo in mostra! Anche se ciò ha significato solamente un cambio di qualifica e non a livello retributivo, i Recruiter faranno molta attenzione a questo tipo di informazioni!
Regola n. 3: Riconoscere le buone Compagnie dalle cattive

Potrebbe risultare ovvio ma aziende di successo hanno alle loro spalle validi collaboratori. Come li hanno trovati e poi assunti? Se il candidato vi risulta interessante vale sicuramente la pena dare un’occhiata anche all’azienda per cui ha lavorato. Potete fare una breve ricerca sul Web sia dell’azienda che degli attuali impiegati per farvi un’idea del tipo di talenti che l’azienda precedente richiede.
PER CHI SCRIVE IL CV: quasi sicuramente il tuo nome verrà cercato su Google per cui ricordati di togliere qualsiasi foto da Facebook o altri Social Networks che possano compromettere la tua candidatura!

Regola n. 4: Studi

Non considerate degno di nota solo chi proviene da Atenei che godono di un’ottima reputazione. Una laurea è pur sempre una laurea soprattutto se il candidato si è laureato Cum Laude. Ciò mostra che ha lavorato duro e che è orgoglioso del suo risultato! Non è questo ciò che state cercando?
PER CHI SCRIVE IL CV: Se il risultato conseguito è buono perché non mostrarlo? Magari aggiungendo gli eventuali riconoscimenti, premi e borse di studio ottenute!
Spesso l’azienda che assume attribuisce molto valore allo studio e non solo alle esperienze lavorative che magari per svariati motivi non sono state le più fortunate. Una persona volenterosa e dedita alle proprie passioni traspare dagli studi effettuati!

Regola n. 5: Riconoscimenti, Attestati e Certificati

Non tutti posseggono riconoscimenti o attestati, non tutti hanno partecipato a seminari, work-shop o simili, per cui potrebbe essere degno di nota soffermarsi per capire di che portata sono quelli ottenuti dal candidato che vi interessa. Indica una persona pronta a fare sacrifici, che non ha timore di misurare le proprie capacità. ed è questo ciò a cui voi dovreste aspirare, giusto?
PER CHI SCRIVE IL CV: Se il tuo lavoro ti appassiona cosa aspetti ad ottenere dei riconoscimenti? E non farlo solo per mamma, ma per te, per il tuo futuro! Mostra passione e voglia di vincere anche fuori dal contesto lavorativo. Mostra la tua volontà, la tua  determinazione e tenacia!

Regola n. 6: Questionari

Una buona regola potrebbe essere quella di preparasi una serie di domande per aiutarvi a capire chi avete di fronte, spesso il CV rivela molto poco circa la personalità del candidato. Ecco una serie di domande che potreste utilizzare:
1. Lavorativamente parlando come ti immagini tra 5 anni? In che modo pensi, lavorando per noi, di raggiungere i tuoi obiettivi?
2. Quale progetto rappresenta il tuo più grande successo e perché?
3. Parlaci dell’errore più grande che hai commesso e ciò che hai imparato da esso
4. Cosa ami di più del tuo lavoro?
5. Perché hai fatto richiesta presso la nostra Società?
6. Perché pensi che dovremmo assumerti?

La morale…

I suggerimenti dati finora derivano da una serie di consulenze tra vari Recruiter che hanno dovuto fare screening ad una serie infinita di candidati.
Ovviamente questi suggerimenti non vanno presi sempre tutti come oro colato, vanno adattati al vostro caso ma potrebbero veramente fare la differenza per trovare il candidato perfetto che stavate cercando!
Che altro dire se non…Buona Caccia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Inviami un messaggio
Cosa vuoi cambiare nella tua vita?
Scan the code
Ciao, sono Pier Luigi Rizzini. Hai voglia di raccontarmi cosa vorresti cambiare nella tua vita?